Le proprietà benefiche degli spinaci

Gli spinaci sono una delle verdure fresche più utilizzate nelle cucine dell’Italia intera, oltre ad essere uno degli ortaggi tipici di questa stagione autunno-invernale ormai iniziata. A renderli celebri presso il grande pubblico, però, ci ha pensato la tv grazie al marinaio Popeye, il “Braccio di ferro” che ha accompagnato intere generazioni di adulti e bambini.
Vi siete mai chiesti, però, qual è la storia di questo ortaggio e quali sono i benefici portati al nostro organismo dal suo consumo?

Scopriamolo insieme..

 

Spinaci: le origini

 

Come questo ortaggio sia arrivato nel nostro continente, non è un dato certo. L’ipotesi maggiormente accreditata lo fa giungere (tra il 1200 ed il 1300) dalla lontana Persia (l’attuale Iran), dove parrebbe essere stato coltivato già dal 2000 aC.
Le prime attestazioni scritte relative al suo utilizzo nel nostro paese risalgono al 1853, quando il medico italiano Baldassare Pisanelli racconta di una “erba nuova” e quindi sconosciuta agli antichi: ecco che gli spinaci fanno il loro primo ingresso nella cultura popolare nostrana!
Il consumo di questo ortaggio, però, raggiunge livelli decisamente considerevoli ed importanti soltanto nel ‘900 quando il mitico Popeye, il marinaio che cibandosi di spinaci diventava invincibile, fa il suo ingresso nel mondo dei fumetti e dei cartoons. Pensate che, a seguito dell’uscita del celeberrimo fumetto, il consumo di spinaci negli Stati Uniti aumentò del 33% circa!

 

spinaci fattoria italia popeyeNella foto: Braccio di Ferro ed i suoi inseparabili spinaci!

 
Anche il nome ha radici arabe: deriverebbe, infatti, dal persiano “aspanakh” o “ispanai” (mano verde), trasformatosi poi in “spinachia” nel tardo latino, fino a diventare “spinaci” durante i nostri giorni.
 

Spinaci: proprietà nutrizionali

 

Ma è vero che gli spinaci sono ortaggi fortemente energetici e ricchi di ferro, come ci raccontava Popeye?
In parte sì: con i loro 2.9 mg di ferro per 100g di prodotto fresco, possiamo affermare che gli spinaci detengono il primato tra gli ortaggi per quanto riguarda il contenuto di questo nutriente. Tuttavia, contengono anche una sostanza anti-nutriente, l’acido ossalico, che limita fortemente la biodisponibilità dei minerali, e la capacità del nostro corpo di assorbire tali sostanze. Pensate un po’, per assimilare l’equivalente in ferro fornito da 100g di carne, occorrerebbe mangiare più di un kg di spinaci!
 
Restano, comunque, una buona fonte di vitamina C, carotenoidi, acido folico, clorofilla e luteina: per evitare di disperdere il loro carico di micronutrienti nell’acqua di cottura, consigliamo di consumarli crudi o cotti in poca acqua bollente. Qualche goccia di succo di limone, inoltre, aumenterà la biodisponibilità del ferro contenuto!

 
Anche Fattoria Italia ha reso omaggio a questo celeberrimo ortaggio realizzando il dado Fancy Cubes Aglio e Spinaci: pronti a scoprire il dado che non c’era?
 
Spinach and garlic fancy cubes
 
 
 
Fonti: MyPersonal Trainer; Alimentipedia
PhotoCredits: Curarsi al naturale; GialloZafferano ;

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

'+
1
'+
2 - 3
4 - 5
6 - 7
8 - 9
10 - 11
12 - 13
13 - 14
[x]